Etichette

recensioni (59) selfpublishing (46) kindle (36) kobo (36) onwriting (34) indie (33) scrittura (32) thriller (31) selfpub (29) giallo (20) cinema (13) film (13) leggere (12) fantascienza (11) sciencefiction (10) scrivere (9) SecondaGuerraMondiale (6) shoah (6) Fiction (5) autoeditoria (5) romanzistorici (5) Camilleri (4) Montalbano (4) Stephen King (4) amazon (4) ebrei (4) fatalflaw (4) fumetti (4) graphicnovel (4) carabinieri (3) distopia (3) mistery (3) umorismoebraico (3) 1992LaSerie (2) 22/11/1963 (2) 25aprile (2) 6/6/1944 (2) AmandaKnox (2) EXTRAVERGINEDAUTORE (2) Eichmann (2) IIGuerraMondiale (2) JohnGrisham (2) KDP (2) KenParker (2) Meredith (2) RICCARDOBRUNI (2) Resistenza (2) SELFPQ16 (2) SkyTv (2) Yara (2) autopubblicazione (2) ebraismo (2) genialità (2) giallo procedurale (2) giornatamemoria (2) guerra fredda (2) mitvah (2) procedural (2) procedurale (2) recensire (2) review (2) teatro (2) witz (2) 007 (1) 11/22/1963 (1) 16/10/1943 (1) 1993LaSerie (1) 1994laSerie (1) 7/10/1973 (1) Aldo Moro (1) AldoMoro (1) AndrewGarfield (1) AngelodiNeve (1) Antonio Gerardi (1) ApolloCreed (1) Archangel (1) AttimoFuggente (1) Banda della Magliana (1) BarrieraInvisibile (1) Bauer (1) Ben Hur (1) Bossetti (1) BostonGlobe (1) Bouchercon (1) BrigateRosse (1) CaptainFantastic (1) CaseyAffleck (1) Charlton Heston (1) ChiaraAppendino (1) ClaudioSantamaria (1) Corruzione (1) Dallas (1) DelittoMoro (1) DesireePedrinelli (1) Domenico Diele (1) EichmannShow (1) Emanuela Orlandi (1) EmmaStone (1) Enrico Fermi (1) Episodio VII (1) Erba (1) Ettore Majorana (1) Fabiola Gravina (1) Fatherland (1) ForzaItalia (1) GabrieleMainetti (1) GeneKelly (1) George Gershwin (1) George Lucas (1) Gioadebonis (1) GrayMountain (1) HacksawRidge (1) Harendt (1) HermannMelville (1) IleniaPastorelli (1) InTheHeartofTheSea (1) Inchieste (1) Iosif Stalin (1) Isola Misteriosa (1) James Bond (1) JeegRobot (1) John Kennedy (1) John le Carré (1) JohnWick (1) JuliaRoberts (1) Julio Verne (1) KennethLonergan (1) King Kong (1) Kong (1) La Scelta (1) La Spia Perfetta (1) LaLaLand (1) LaZonaMorta (1) Laura Chiatti (1) Le Carré (1) Lee Harvey Oswald (1) LegaNord (1) Lettricealcontario (1) Lew Wallace (1) Lingotto (1) LucaMarinelli (1) LuciaCantoni (1) Majorana (1) ManchesterByTheSea (1) Marco Bocci (1) Marsilio (1) MelGibson (1) Miriam Leone (1) MobyDick (1) Moni Ovadia (1) Mossad (1) MostrodiFirenze (1) Musical (1) NathanielPhilbrick (1) Nazismo (1) NicolaGuaglianone (1) Normandia (1) Olindo (1) Oscar (1) PUBBLICARE (1) Pacciani (1) PaoloCucchiarelli (1) Philip K. Dick (1) PieroTony (1) PontealleGrazie (1) RaffaeleSollecito (1) RagnarJonasson (1) RhomaG. (1) Robert Harris (1) RockyBalboa (1) Romanzo Criminale (1) RomanzoStorico (1) RonHoward (1) Rosa (1) RyanGosling (1) SalTo17 (1) SalonedelLibro (1) SarahScazzi (1) Sbarco (1) Sellerio (1) Skull Island (1) Soldato Ryan (1) Sollecito (1) Spielberg (1) Stallone (1) StarWars (1) Stefano Accorsi (1) Steven Spielberg (1) Tangentopoli (1) Tea Falco (1) TheReader (1) TimBurton (1) USA (1) Unione Sovietica (1) ViggoMortensen (1) VincentMinnelli (1) aereo spia U2 (1) antisemitismo (1) attentato (1) balenabianca (1) banshee (1) betareading (1) blogger (1) bomba atomica (1) capolavori (1) corsari (1) crichton (1) divisionecarriere (1) editoria (1) elena loewenthal (1) fiera del libro (1) formazione (1) hachette (1) hollywood (1) indipendenza (1) israele (1) lager (1) legalthriller (1) libri (1) lisbethsalander (1) maccartismo (1) millennium (1) musica americana (1) neilsimon (1) palestina (1) pirati (1) piùlibripiùliberi (1) processo (1) progetto Manhattan (1) retro (1) romanzi (1) romanzo (1) sarah glidden (1) skyatlantic (1) smashwords (1) spionaggio (1) spotlight (1) spystory (1) sterminio (1) storia (1) supereroi (1) vescovi (1) yiddish (1)

mercoledì 20 febbraio 2013

Thriller Magazine

Questa è la recensione più critica che ho avuto finora, e la riposto tale e quale; ne ho ricevute di più belle e di esagerate. Credo che si debba accettare il giudizio degli altri, e che, evidenziati i difetti o presunti tali, non si possa che avere beneficio.
L'unica cosa che chiedo ai miei recensori è l'impegno nel farlo, il resto va bene tutto.
Cos'altro posso dire?
Ho messo qualche parola in dialetto per rendere un pochino di atmosfera; non potevo farlo in lingua originale, il romagnolo è una lingua autonoma quasi quanto il sardo.
L'immagine di copertina è scelta tra quelle proposte da KDP, la più adeguata, secondo me, a una trama che evoca nostalgicamente un'infanzia lontana.

mercoledì 6 febbraio 2013

Il Messaggero e il Maresciallo Maggio

Oggi recensione sul "Messaggero" Umbria, rubrica "Libridine"!
Wow!

Il Messaggero Umbria non è ancora on-line (non tutto), perciò cito:

"Nell'Umbria dei misteri, protagonista di tanti casi giudiziari che hanno fatto discutere l'Italia (e il mondo), arriva un nuovo investigatore. Si chiama Franco Maggio, è un maresciallo dei carabinieri, nato dalla fantasia (...) del collega Francesco Zampa.
(...) Zampa giura che non si tratta di un romanzo autobiografico."
E' proprio così, anzi, mi piacerebbe avere qualcosa di Maggio...
"(...) forse influenzato dal processo Kercher per la parte della tecnica investigativa, il romanzo ha il passo letterario nella descrizione dei personaggi e nell'intreccio. Zampa si è interessato a capire il rapporto tra realtà e informazione."
E' vero, un romanzo è un romanzo e un giallo è un giallo, ma l'ispirazione è quotidiana, anzi continua, sia quando vado a fare spesa che quando guardo un film o leggo.
E sono convinto che il tema dell'informazione sia delicatissimo e sempre uguale a se stesso, che agisca sempre sulle stesse leve nei confronti del pubblico: curiosità quasi morbosa, cattiveria, molti sentimenti negativi. La parte peggiore è lavorare solo per questo.
Per la terza volta paragonano il mio caro Maggio a Montalbano: sono onoratissimo, ci mancherebbe, ma Maggio vuole essere un'altra cosa. Il panorama della fiction italiana è infarcito di commissari e vice-questori, è diventato quasi un archetipo. I marescialli sono invece relegati a ruoli comprimari o guasconi, mentre c'è un patrimonio etico e culturale che non traspare mai, se non in maniera molto edulcorata.
Nessuno si è accorto, invece, del motivo del titolo, che evoca un po' il caro vecchio Callahan-Eastwood, un omaggio più che un'ispirazione!
"Se Maggio farà concorrenza a Montalbano, è presto per dirlo."
Non è vero ma ci credo, quindi tocco ferro e... spero proprio di sì!

Grazie al Messaggero che si è interessato al mio libro!